Pasqua e la tradizione della pastiera napoletana

La seconda moglie di re Ferdinando II di Borbone è soprannominata la Regina che non sorride mai. Almeno fino a quando non assaggia una fetta di pastiera. Ecco le origini del detto napoletano: “magnatell’na risata”. La pastiera è un dolce caratteristico di Napoli, per certi versi leggendario.

Cerere, o come dicevano i latini Ceres, è la dea della terra e fertilità. A lei le sacerdotesse offrivano in primavera un uovo, simbolo della rinascita che si trova anche nella tradizione cristiana. Le suore del convento di San Gregorio Armeno elaborano e perfezionano la ricetta della pastiera fino ad arrivare a quella che conosciamo oggi.

Lascia il tuo commento

Vai alla barra degli strumenti