I Longobardi portano in Emilia lo gnocco fritto

Sarebbero stati i Longobardi a portare lo gnocco fritto in Emilia. Diverse le testimonianze dell’usanza di friggere con lo strutto (detto anche sugna, il grasso del maiale), molto utilizzato in cucina. Lo gnocco fritto è pasta per il pane fritta e poi farcita con formaggi e salumi. A seconda delle province in cui ci si trova cambia nome, è “il gnocco fritto” a Modena e Reggio Emilia, la “crescentina” a Bologna, la “torta fritta” a Parma, il “chisulèn” a Piacenza.

Rispondi