L’agroalimentare italiano è da tutelare

370 aziende agricole sparse fra le province di Piacenza Cremona, Mantova e Parma per 7.000 ettari di terreno coltivati: il Consorzio Casalasco del Pomodoro è il primo produttore italiano, il terzo del continente, che fa del legame con il territorio il segreto del proprio successo. Più della metà del fatturato delle aziende italiane del pomodoro (56%) arriva dall’esportazione. In una intervista rilasciata a “La Stampa”, il direttore generale del Consorzio, Costantino Vaia, sottolinea l’importanza di investire in Italia: “Bisogna puntare sull’informazione, sulla promozione del vero Made in Italy. In America la maggior parte degli investimenti è in comunicazione: dobbiamo raccontare che cosa sta dietro al marchio, che cosa rende un prodotto premium. L’Italia ha nell’agroalimentare un asset importante. Ci vuole più impegno per tutelarlo”.

Lascia il tuo commento