Varese e lo stadio dedicato a Franco Ossola

A Franco Ossola è intitolato lo Stadio di Varese, quasi a rendere omaggio a una famiglia che ha scritto la storia dello sport cittadino. Il fratello Aldo è il playmaker della squadra di pallacanestro cittadina, la Ignis Varese, con la quale vince 7 scudetti e 5 Coppe dei Campioni (giocando 10 finali consecutive). L’altro fratello Luigi, dopo avere giocato a basket nella Robur et Fides Varese si è dedicato al calcio, protagonista con giocatori come Maroso e Traspedini della prima promozione in A del Varese. 

Sul campo del rione Masnago si sono giocate partite memorabili, a cavallo fra gli anni Sessanta e Settanta. Quando il Varese della famiglia Borghi faceva tremare ogni avversario infischiandosene del blasone. Qui la Juventus è stata sconfitta 5-0 con tripletta del giovane Anastasi.

Un pensiero riguardo “Varese e lo stadio dedicato a Franco Ossola

  • in 16:21
    Permalink

    A Varese , dovrebbero vergognarsi quelle persone estremamente “Ricche” di denaro e di immobili, che hanno presieduto al funerale dell’onorevole ex Ministro Zamberletti.(basti guardare le riprese del funerale)
    Si , mi rivolgo a questi “Benestanti ” Varesini.
    Certo , il Calcio oggi, è concesso che possa non piacere a molti , che molti, saranno anche ragionevolmente stufi di veder sperperare milioni e milioni di euro , per , di fatto, arricchire un branco di sportivi che danno calci ad un pallone .
    Ma lo Stadio fa parte o no di una edificazione storico-sportiva? Proviamo almeno ad osservarlo da questo punto di vista , proviamo a pensarlo, di usufruirne anche in altro modo.
    Possibile che tutti questi milionari varesini, non riescano a pensare che un domani potranno lasciare traccia delle loro beneficenza una volta deceduti ? Come si può pensare di arrivare a morire da Ricco , senza aver lasciato traccia della propria benevolenza !!!! Giovanni Borghi, ancora oggi, viene ricordato quasi quotidianamente, per quanto ha dato e per quanto ha saputo offrire allo sport Varesino!!!!
    Cari “Ricchi” varesini , se non volete aiutare gli adulti, aiutate almeno i bambini , i ragazzi , i giovani che hanno ancora il desiderio di fare sport .
    Un settore giovanile (ben amministrato e i ricchi sanno come si fa’ ), sarebbe la gioia di molti ragazzi l’orgoglio per le famiglie di Varese , che avrebbero davanti un futuro. Ricchi di Varese , se ancora avete un ❤ , unitevi a salvare lo Stadio di Varese (lo Stadio Franco Ossola!!) , e con Lui l’orgoglio Sportivo varesino.
    Concludo nel rispetto di una Grande persona, scusandomi con Lui e con la famiglia , se mi sono permesso di essere stato presente ai funerali dell’ ex Ministro Zamberletti, e aver visto in molti volti , l’ipocrisia dell’anima dei “Ricchi” !!! Che tanto non sanno, di essere POVERI !!!!!
    R.G.

    Risposta

Lascia il tuo commento

Vai alla barra degli strumenti