Fronte unito del vino delle Marche alla fiera di Düsseldorf

http://channelproduction.com/?q=how-much-does-daily-dose-viagra-cost Promozione congiunta per il vino delle Marche a follow ProWein 2018, la fiera di Düsseldorf di riferimento per il business del vino. 64 aziende socie dell’Istituto marchigiano di tutela vini (Imt) e del Consorzio vini piceni completano l’en plein delle Doc regionali in terra teutonica, dalla Lacrima di Morro d’Alba all’Offida Pecorino, fino a Verdicchio dei Castelli di Jesi e Rosso Piceno, che quest’anno compiono 50 anni dalla nascita della Doc. In 196 metri quadrati di collettiva i due consorzi raggruppano 38 soci (altri 26 saranno presenti con spazi propri). “Unificare la comunicazione sotto la bandiera di un unico brand Marche – ha detto http://cersnow.com/?q=herbal-viagra-side-effects-in-urdu il presidente del Consorzio vini piceni, Giorgio Savinici dà la possibilità di comunicare le tipicità dei nostri vitigni autoctoni in maniera unitaria e più semplice per gli oltre 58mila operatori attesi in fiera”. Per il presidente Imt, Antonio Centocanti: “Il mercato tedesco è fondamentale per i vini delle Marche e Düsseldorf è una piazza altamente competitiva, sulla quale è bene presentarsi con una strategia chiara. Ed è quello che faremo in Germania ma anche al Vinitaly, dove si prospetta una partecipazione collettiva di grande rilievo”.

http://charltonisland.com/?q=buy-cheap-viagra-online-in-canada

http://frenoaltiempo.com/?q=buy-viagra-doctor-online Al Prowein partecipano http://changtengyuan.com/?q=to-buy-viagra-online-canada 58.500 operatori provenienti da 131 nazioni, l’Italia con 1.700 aziende rappresenta la maggior partecipazione tra i Paesi produttori, seguita da Francia (1.500), dai padroni di casa tedeschi (1.000), Austria, Spagna e Portogallo. E per Istat proprio la Germania si conferma il principale mercato Ue per il Belpaese e il secondo al mondo dietro agli Usa. Nonostante una crescita modesta (+0,6%), il valore dell’export enologico http://chamleypipe.com/?q=generic-viagra-viagra made in Italy sfiora il miliardo di euro (981 milioni) con un’incidenza sul totale delle esportazioni del 17%.

see

Lascia il tuo commento

Vai alla barra degli strumenti