“Anno del Cibo”, le iniziative di Cibus

Cibus prepara un’edizione speciale per celebrare il 2018, proclamato dal Governo italiano “Anno del Cibo”, e per favorire la crescita produttiva e l’esportazione dei prodotti alimentari Made in Italy. Sono attese a Parma, dal 7 al 10 maggio, più di 3.000 aziende per la 19° edizione che arriva in un momento di congiuntura favorevole.

Il comparto alimentare ha chiuso il 2017 con risultati rilevanti: l’export è aumentato del +7% sull’anno precedente ed anche le vendite sul mercato interno fanno segnare una debole ma incoraggiante crescita del +0,8%. Per quanto riguarda l’export dell’industria alimentare la stima a fine 2017 è di 32,1 miliardi di euro. I mercati principali dell’export alimentare, oltre all’Europa e agli Stati Uniti d’America, sono Canada, Giappone, Australia, Russia, e per quanto riguarda l’Asia: Cina, Hong Kong, Corea del Sud, Tailandia, Taiwan.

In occasione di Cibus 2018, sarà presentato il Padiglione 8 riservato alle collettive istituzionali e dedicato quindi alle specialità regionali, con spazi dedicati alla ricettazione e allo show cooking e alla degustazione. “Il 2018 per l’agroalimentare italiano promette di essere un anno all’altezza di quello passato – ha dichiarato Luigi Scordamaglia, Presidente di Federalimentarealle performance eccezionali dell’export, che fanno sembrare non solo raggiungibile ma anche superabile la soglia annunciata durante Expo2015 dei 50 miliardi entro il 2020, infatti, si andrà ad aggiungere una timida ma già ben visibile ripresa dei consumi interni. L’altra grande sfida riguarda Bruxelles che deve ritrovare una nuova centralità in termini di politiche comuni in materia alimentare”.

Lascia il tuo commento

Vai alla barra degli strumenti