Il cannolo siciliano, un rubinetto di ricotta

I saraceni dovrebbero essersi rifatti a un dolce romano per preparare il cannolo, nato a Caltanissetta e perfezionato a Palermo. Il suo nome è legato alle canne di fiume attorno alle quali si arrotolava la cialda ma c’è chi sostiene che invece cannolo indichi in dialetto una sorta di rubinetto, da dove esce ricotta e non acqua. Nato come dolce di Carnevale negli harem degli arabi o in un convento di suore, ciò che lo rende unico è il ripieno a base di crema di ricotta di pecora, decorato con “cirasa” (scorza di arancia candita) o pistacchi di Bronte.

Lascia il tuo commento