La Sicilia da bere

Quella del vino, in Sicilia, è una storia antica cominciata con i Fenici nel VII secolo a.C. Attualmente la regione produce diversi tipi di vino tra cui il Nero d’Avola, il Cerasuolo di Vittoria, il Salaparuta, l’Alcamo, l’Inzolia, il Grillo, il Frappato, il Perricone, il Cataratto, la Malvasia delle Lipari e il Pantelleria. Oltre alla qualità, in Sicilia non manca la quantità. Nella sola provincia di Trapani si produce il 10% del prodotto nazionale. Discorso a parte per il celebre Marsala, un vino liquoroso conosciuto in tutto il mondo, in particolar modo in Gran Bretagna. Ed è proprio ad un inglese, John Woodhouse, che si deve la sua invenzione. Sbarcato in Sicilia apprezzò subito la qualità di quel vino e pensò di esportarlo nella sua terra d’origine. Per conservarlo durante il trasporto fu necessario aggiungere dell’alcool purissimo. Il risultato fu quello di un eccellente vino liquoroso capace di competere con il Porto e il Madera. Tra i suoi estimatori anche l’ammiraglio Nelson.
Vini DOCG: Cerasuolo di Vittoria (rosso, prodotto nelle province di Caltanissetta, Catania e Ragusa)

IFC_Vini_Sicilia

Lascia il tuo commento