Il Pecorino Toscano DOP conquista l’America

Oltre 17,5 milioni di latte lavorato per il Pecorino Toscano DOP, oltre un milione e 361 mila forme prodotte e quasi 1 milione e 103 mila forme vendute, tra tenero e stagionato. Sono questi i numeri che raccontano il 2015 del Consorzio tutela Pecorino Toscano DOP e che si traducono, in termini economici, in un fatturato al consumo di circa 50 milioni di euro, di cui oltre 10 milioni all’estero.

Lo scorso anno i 15 caseifici del Consorzio hanno lavorato oltre 30 milioni e 322 mila litri di latte in arrivo da 870 allevatori, di cui 245 direttamente associati al Consorzio. Oltre 17 milioni e 543 mila litri di latte sono stati destinati a Pecorino Toscano DOP e trasformati in oltre 1 milione e 361 mila forme, con un incremento del 2,52% rispetto al 2014. Di queste, sono state vendute 608.325 forme di Pecorino Toscano DOP tenero e 494.381 forme di quello stagionato, con un aumento complessivo del 7,13% rispetto al 2014. Il 2015, inoltre, si è aperto per il Pecorino Toscano DOP con un’assenza nei caseifici di prodotto fresco e stagionato, a causa di un incremento della domanda già iniziato nel 2014. Il mercato estero ‘ama’ il Pecorino Toscano DOP.

Il fatturato complessivo registrato dal Pecorino Toscano DOP nel 2015 è stato pari a 23 milioni e 758 mila euro. Significativo il dato sulle esportazioni, cresciute lo scorso anno del 17,17%, per un valore economico pari a oltre 10 milioni di euro al consumo. Numeri che confermano un trend positivo nell’export, grazie alla maggiore domanda di Pecorino Toscano DOP dall’estero e, in particolare, dagli USA e dall’Europa. Sul totale dell’export del Pecorino Toscano DOP, l’Europa vale infatti il 50,76%, seguita dall’America con il 39,04% e da Oceania e Asia, con valori più marginali. Tra i mercati più interessanti ed in ascesa c’è quello australiano, dove il Pecorino Toscano DOP si sta già muovendo con le prime esportazioni e la registrazione del marchio, a tutela di frodi e falsificazioni dei prodotti legati all’italian sounding. Tra i Paesi del Vecchio Continente che ‘amano’ di più il Pecorino Toscano DOP, svetta il Regno Unito, con il 12,91%, seguito da Belgio (6,68%), Polonia (5,51%) e Germania (4,23%).

Rispondi