La Toscana motore del Risorgimento

Leopoldo II è l’ultimo Granduca, quello che accompagna la nascita dello stato unitario italiano. Due giorni dura il plebiscito (11 e 12 marzo 1860) che celebra l’unione della Toscana al Regno di Sardegna, prossimo Regno d’Italia. Nel febbraio del 1865, re Vittorio Emanuele entra ufficialmente in Firenze e prende il suo posto a palazzo Pitti. La riservatezza dei fiorentini, conservatori e gelosi delle proprie tradizioni, pare turbata dalle migliaia di visitatori che iniziano ad affollare la città toscana, capitale d’Italia fino al 1871.

IFC_Toscana_Dante

Lascia il tuo commento