Storia del calcio in Toscana

Palestra Ginnastica Fiorentina Libertas e Club Sportivo Firenze il 29 agosto 1926 annunciano la fusione nell’Associazione Calcio Firenze, dopo un anno rinominata in Associazione Calcio Fiorentina. Con il girone unico parte dalla B e dopo un discreto quarto posto sale in A nel 1930-31. Allenati da Bernardini, i viola interrompono nel 1956 il dominio torinese e milanese e conquistano il loro primo scudetto. Dopo l’Europeo del 1968, vinto dall’Italia, molte delle big cambiano fisionomia. Ne approfitta la Fiorentina di Pesaola (l’anno prima secondo con il Napoli) che vince il campionato.

Nel 1920 il Livorno sfiora il titolo, dopo avere superato il girone del centro-sud incontra in finale l’Inter (prima nel raggruppamento del nord). Gli amaranto perdono 3-2 una partita giocata in inferiorità numerica per l’infortunio di Innocenzi I dopo soli 7 minuti. La Lucchese vince il campionato di B per la prima volta nel 1936 (grazie all’allenatore ungherese Erbstein che poi farà diventare Grande il Torino). Il Pisa arriva in A nel 1968, l’Empoli nel 1986, il Siena nel 2003, mentre la stagione 1980-81 è l’unica della Pistoiese fra le big del nostro calcio.

IFC_CALCIO_TOSCANA

Rispondi