Storia del calcio in Veneto

12 maggio 1985: il Verona pareggia 1-1 a Bergamo contro l’Atalanta e con una giornata di anticipo sul termine della stagione vince lo scudetto. E’ la prima e unica volta che il Veneto può vantare una squadra campione d’Italia. L’impatto con il girone unico è traumatico per il Padova, retrocesso subito in B.

Nel 1954 un tecnico che sta meditando di abbandonare il calcio viene convinto ad allenare i biancoscudati. E’ Nereo Rocco. A Padova mette a punto il metodo di gioco basato su una difesa solida (il “catenaccio”) che influenza tutto il calcio italiano e che porta ad un incredibile terzo posto nel 1958 (dietro Juve e Fiorentina). Il Venezia nel 1941 alza al cielo la Coppa Italia. Un trofeo che conquista anche il Vicenza. I gol del giovane Paolo Rossi portano i biancorossi a sfiorare lo scudetto nel 1978 (secondo posto dietro la Juventus). Nel 2001 Verona vive un’altra favola calcistica: quella del Chievo, squadra di un borgo cittadino promossa in A (e arriva anche a debuttare in Europa). Nel 2005 il Treviso perde i playoff di B contro il Perugia, ma viene ripescato in A dopo le esclusioni di Genoa, Perugia e Torino.

IFC_CALCIO_VENETO

 

Un pensiero riguardo “Storia del calcio in Veneto

Lascia il tuo commento