PODCAST – Marco Baroni, difensore del Lecce promosso in A nel 1988

Lecce è definita la “Firenze del sud” o l’ “Atene delle Puglie”, soprannomi non sempre graditi perché non rendono giustizia a una città unica, con testimonianze storiche come l’Anfiteatro e l’antico frantoio romani o gli edifici realizzati in “pietra leccese”, facile da lavorare e tipica del Salento, con la quale è realizzata la facciata della Chiesa di Santa Croce.

Il Salento è una zona della Puglia meridionale che ha la capacità di incantare e sorprendere chi ci arriva per la prima volta, come il calciatore 24enne Marco Baroni, difensore fiorentino che nel 1987 si trasferisce a Lecce, in serie B. La squadra “delle rimonte” ci mette un po’ a trovare i giusti equilibri, ma poi cancella dubbi e contestazioni, raccoglie 24 punti in 15 partite e conquista la seconda serie A della storia. Non è facile farsi strada fra i grandi del calcio italiano, il cammino è faticoso, la salvezza è sofferta, ma alla fine è nono posto: il migliore piazzamento nella storia del Lecce…